Attraversare la notte…

2-3 Giugno 2010

Un’escursione con una quarta media di Biasca dalla forte valenza simbolica. Per iniziare questo viaggio rituale abbiamo attraversato un ponte e poi attraverso giochi, racconti e altre avventure abbiamo potuto vivere il passaggio dal giorno alla notte.

Gli animali del giorno ci hanno salutato mentre percorrevamo il sentiero basso della Valle di Blenio, poco oltre il Castello di Serravalle abbiamo potuto cogliere il passaggio, il momento del silenzio e dei giochi di luce dai colori sfumati… seguito dall’entrata nella notte dove gli animali notturni ci hanno accolto con i loro richiami e la luce del giorno era definitivamente destinata a morire. Abbiamo camminato nel buio – senza l’ausilio di torce o altre fonti luminose – dove a tratti si vedeva bene perché comunque la notte non è nera, in altri tratti invece dentro il bosco era talmente nero che si perdeva dalla vista pure il compagno davanti.

Arrivati alla nostra meta, un monte a circa 900m, abbiamo dichiarato le nostre paure e soprattutto le abbiamo lasciate lì sul posto, mentre noi ci siamo cercati il luogo ideale per passare la notte coricati, chi a osservare le stelle (tra cui anche qualche stella cadente), chi a chiacchierare e chi, come il sottoscritto in pochi minuti ha chiuso gli occhi per riaprirli solo al chiarore dell’alba!

La sorpresa al mattino era la colazione che ci è stata portata: da sogno! Cornetti, latte e thé caldo, marmellate varie e un ottimo miele, senza parlare del formaggio (e c’è pure chi non lo ha tagliato come si deve) e del succo di frutta. Nel giro di un paio di ore ci siamo svegliati, abbiamo fatto colazione e poi siamo andati a salutare un castagno plurisecolare (in 9 ragazzi per fare il giro completo dell’enorme tronco) che se fosse stato in grado di parlare ce ne avrebbe raccontate di storie!

Ed ora – che questo viaggio è finito – ogni partecipante ha ricevuto un talismano che lo accompagnerà nel viaggio nel suo futuro: auguri a tutti!!! Siete grandi!!!

Alcune foto dell’uscita le trovi qui.

Aggiornamento Accompagnatori ATSE


29 maggio 2010

Sono diversi anni che non partecipavo più perché mi mancava il tempo. Quest’anno all’ultimo momento sono riuscito a liberarmi e a partecipare a questo evento. Per fortuna il tempo (meteo per intenderci) era con noi: non era bellissimo (cosa che ha evitato un assalto in massa della Vetta al Monte Generoso) ma giusto per una bella camminata… l’acquazzone poi siamo riusciti ad evitarlo grazie alla tettoia della chiesetta di Roncapiano 🙂

Il giro da Bellavista alla Vetta, con la discesa su Roncapiano e il ritorno a Bellavista era un bel programma. Mi sono divertito nel ritrovare compagni di corso (nel “lontano” 1998/99) e diversi “allievi” che hanno subito la mia presentazione delle attività con le racchette da neve e/o che hanno pure partecipato alle uscite organizzate in seno al corso. Come in ogni occasione di questo tipo anche durante questa giornata ho avuto occasione di imparare cose nuove in particolare grazie agli interventi di Thomas e Flavio. E la fortuna ha voluto che riuscissimo a vedere in fiore anche un paio (di numero!) esemplari di Asphodelus albus e di Paeonia officinalis.

Spero che nei prossimi anni si presenteranno altre occasioni di questo tipo, anche se – ed è vero – non mi garba troppo girare per le nostre montagne con un gruppo così numeroso (eravamo in 35): questo però conferma il successo dell’iniziativa.

Grazie Sergio per averci regalato una giornata così riuscita!

Corso ATSE

 atse.gif
Sabato 24 gennaio 2009

In teoria si doveva andare a percorrere la strada del San Bernardino, ma all’ultimo momento ho deciso di cambiare programma e di prenderla un po’ più comoda e soprattutto andare sul sicuro, per cui siamo andati all’Alpe Quadrella.

Le previsioni meteo catastrofiche e il bollettino delle valanghe mi hanno convinto che forse i 12km da percorrere per attraversare il San Bernardino erano troppi. Il giro dell’Alpe Quadrella è la metà. Ci è andata bene da ogni punto di vista poiché il tempo era dalla nostra. Infatti dopo un po’ di salita anche il sole si è fatto vedere, un po’ timidamente, ma per la pausa pranzo c’era e come!

I corsisti naturalmente hanno dovuto anche lavorare un po’: individuare il tracciato era un compito abbastanza difficile perché la neve caduta ieri (sui 20-30cm) ha coperto tutte le tracce e sulle piante rari – troppo rari – sono i segnalini bianco-rosso-bianco. Eccovi la ricetta per riuscire: una dose di capacità di lettura della cartina, un cucchiaio di interpretazione del terreno e un pizzico di intuito, questi gli ingredienti ci hanno permesso di fare tutta l’escursione senza sbagliare tracciato: siamo sempre giunti dove volevamo. Un breve esercizio per cimentarsi almeno una volta con l’ARVA e c’era anche chi l’ha nascosto in modo originale.

Tutto sommato una gran bella giornata, ideale per un corso di formazione dove c’era anche il tempo di divertirsi… anche se qualcuno abbiamo dovuto lasciarlo su a Cimalmotto perché l’auto, una ruota in particolare, non voleva saperne di andare! Spero che anche loro siano giunti a casa nel frattempo…

Per i più curiosi qui trovate anche alcune foto della giornata!

 

Esami Accompagnatori d’escursionismo (VS)

Dopo il secondo anno di formazione presso la scuola di “Wanderleiter” della Val d’Anniviers i futuri accompagnatori devono assolvere l’esame d’escursionismo. Da quando questo tipo di formazione esiste io collaboro agli esami in qualità di esperto (vengono esaminati due candidati al giorno). 

Quest’anno però è stato speciale, molto speciale…infatti la meteo ci ha giocato un sorprendente scherzo questo fine settimana!
 
wanderprufungen_racchette.jpg 
 
Le candidate si sono cimentate nella loro escursione d’esame nella regione del Pilatus e dei Mythen. Il sabato sotto l’acqua e il nevischio, la domenica invece una giornata da favola, ma con quasi 20cm di neve: abbiamo fatto la prima escursione con le RACCHETTE in una regione assoluttamente fantastica. Certo che con una meteo così le aspiranti guide hanno dovuto farsi in quattro per salvare capre e cavoli…
 
Comunque le quattro candidate hanno egregiamente superato gli esami: complimenti! Ecco alcune foto delle due giornate.