Andromeda al San Bernardino

Il tempo ha di nuovo giocato un ruolo importante e intendo sia cronos sia meteo. Il primo perché a parte l’appuntamento alle 9 del mattino col gruppo del centro diurno di Locarno e a mezzogiorno col pranzo non avevamo fissato altri orari, per cui praticamente non ho dovuto guardare l’orologio. Il secondo invece mi ha sorpreso positivamente al mattino, infatti c’era un sole splendente. Al pomeriggio invece il cielo si è velato di un grigio topo e a un certo punto ha persino nevicato leggermente, ma poi è arrivata la pioggia (per fortuna noi stavamo già mangiando la torta al tea-room in quel momento). 

Dopo un momento introduttivo sui materiali (le racchette, l’ARVA, la pala e la sonda) abbiamo iniziato a metterci le racchette ai piedi. Non è stata un’impresa facile: c’era chi era veramente ben equipaggiato (ma poi si è rivelato che i scarponi nuovi di zecca procurano fiacche) e chi invece era perfettamente equipaggiato per un giro in Piazza Grande, ma tutti avevano una gran voglia di cimentarsi in questa avventura. La neve caduta da poco ha reso il paesaggio veramente incantato e già dopo i primi passi incontriamo tracce di animali… e per il resto del giorno ne abbiamo viste tante.In seguito alla prima fatica (una salitona interminabile) invano ho tentato di far vedere un paio di camosci, che in quella valletta sopra la punta del pino (e non dell’abete) stavano tranquillamente brucando l’erba, ma nonostante i binocoli nessuno è riuscito a individuarli. Le pause si sa sono troppo corte per cui abbiamo tosto ripreso a camminare e la salita era proprio interminabile. Sudando più di sette camicie abbiamo raggiunto l’Alpe Piandos dove ci siamo fermati e al sole ci siamo gustati i panini preparati dalle gentili collaboratrici dell’Ostello e poi una crema di zucca scottante che ho preparato con la neve – rigorosamente locale – nell’improvvisato angolo cucina.Rinvigoriti dal pranzo e dal sole che fino a quel momento è stato generoso con noi abbiamo, tutti insieme, ripreso il cammino fino a raggiungere il punto più alto dell’escursione a ben 1783m. Ero fiero del gruppo perché tutti ci sono arrivati! Finalmente la tanto attesa discesa, dapprima nella neve fresca e poi sul sentiero battutto siamo giunti all’igloo che avevamo fatto col gruppo genitori un paio di settimane prima. Era ancora intatto, salvo un buco sopra l’entrata – che col valido aiuto del gruppo abbiamo riparato utilizzando pure la sega da neve – e il fatto che col caldo si è sciolto facendo scendere la volta e rendendo quindi lo spazio interno leggermente più piccolo. Comunque alcuni di noi hanno preso il toro per le corna e ci sono entrati.Poco più in basso, vicino ai pupazzi di neve il gruppo si è diviso: chi andava a prendere il furgone per rientrare e chi voleva camminare ancora un po’. Purtroppo c’era chi era fiacco e chi le fiacche le aveva ai piedi, però c’erano alcuni – fra questi S. alla gran sorpresa di tutti – che volevano proseguire a piedi. Abbiamo scoperto un bel sentiero che per boschi e lussuose villette giunge allo scilift di Pian Cales, ci siamo poi cimentati nella discesa molto ripida e qualcuno ha scoperto il trucco per farsi accompagnare a braccetto dal sottoscritto.Infine un breve saluto al vecchio postiglione – nascosto nel garage dell’autopostale – ed eccoci ritornati all’ostello. È stata un giornata splendida, ricca di scoperte e sorprese, trascorsa all’aria aperta e dai saluti e ringraziamenti ricevuti, direi anche molto soddisfacente per i partecipanti molti dei quali non erano abituati a simili camminate. Grazie di cuore e continuate così!Roger

Un pensiero riguardo “Andromeda al San Bernardino

  1. Le fiacche fiaccano quando i fiocchi fioccanti fioccheggiano dai monti….non sarà stata la sbobba zuccosa zuccante tra i fiocchi a zuccare gli andromedeschi piedini…ciancio alle bande…mi fa piacere vedervi in forma smagliante…ma la prossima volta portatevi una bustina Knorr e l’acqua della Maggia…magari va meglio ancora… e grazie per il servizio di manutenzione immobiliare…Ciao dal palingenetico…volevo dire Gregorio…a presto

    Mi piace

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...